“Sunny Boy Storage è conveniente e flessibile al tempo stesso”

From on May 11, 2016 in Category Energy Management with 0 Comments
Header_SBS_02oH_otti_620x300_en_02

Approvvigionamento elettrico domestico indipendente e conveniente: questo obiettivo finora tecnicamente irraggiungibile è finalmente alla portata di tutti grazie al nuovo inverter con batteria SMA Sunny Boy Storage, che a marzo ha ottenuto il premio per l’innovazione al PV Symposium di Bad Staffelstein. Intervista a Volker Wachenfeld, Executive Vice President dell’unità Offgrid & Storage di SMA, sulla nuova era “post tariffa onnicomprensiva”, sulle differenze fra le varie soluzioni di accumulo e su come Tesla Powerwall cambierà il mercato.

 

Volker Wachenfeld

Volker Wachenfeld

Cosa rende speciale il nuovo inverter con batteria Sunny Boy Storage?

La sua particolarità risiede nell’abile combinazione di diverse caratteristiche e vantaggi tecnologici di per sé già affermati con grande successo sul mercato. Ne è nato un prodotto molto robusto, con un design eccezionalmente ben riuscito e costi molto convenienti. A tal fine abbiamo unito il nostro know-how nel campo degli inverter a batteria e degli inverter di stringa ottenendo un sistema connesso sul lato CA (quindi in corrente alternata e non in corrente continua) che, oltre a garantire un’estrema flessibilità d’uso, offre i presupposti tecnici ideali per il collegamento di una batteria. Che si parli di impianti nuovi o già esistenti, non abbiamo ancora trovato una configurazione in cui questo prodotto non sia adatto.

 

Quale vantaggio concreto presenta questo “pacchetto connesso sul lato CA” per l’utente finale?

Grazie alla connessione sul lato CA, il cliente può installare Sunny Boy Storage sempre e ovunque. La soluzione di accumulo può essere integrata senza alcun problema in un sistema fotovoltaico preesistente, senza toccare in alcun modo l’impianto solare. Specialmente per quanto riguarda il mercato dell’integrazione, la nostra soluzione offre il vantaggio di richiedere solo tre componenti per trasformare un impianto fotovoltaico esistente in un sistema di accumulo: oltre a Sunny Boy Storage e alla corrispondente batteria serve infatti solo il contatore. Quest’ultimo è indispensabile e nemmeno la concorrenza può rinunciarvi.

 

Volker Wachenfeld alla presentazione di Sunny Boy Storage di fine gennaio.

Volker Wachenfeld alla presentazione di Sunny Boy Storage di fine gennaio.

I tempi sono effettivamente maturi per l’accumulo?

Sicuramente. In tutti i casi in cui i programmi di incentivi per il fotovoltaico si concludono ci si trova presto o tardi a riflettere sull’impiego di batterie per aumentare l’autoconsumo. Si tratta infatti dell’unica soluzione sensata quando vengono meno gli incentivi. Ed è per questo che mi serve una batteria. L’ideale è poi che quest’ultima possa essere collegata con la massima semplicità a un sistema già esistente, indipendentemente dalle sue caratteristiche. Attualmente la soluzione di integrazione più conveniente e al tempo stesso flessibile per Tesla Powerwall è Sunny Boy Storage.

 

 

Tesla Powerwall è una batteria ad alto voltaggio. Quali vantaggi presenta questa tecnologia rispetto ai modelli a basso voltaggio ampiamente utilizzati fino ad oggi?

Una batteria ad alto voltaggio offre notevoli vantaggi in termini di costi a livello di tecnologia di sistema dell’inverter. Siccome la batteria dispone già di una tensione sufficientemente elevata, l’inverter non deve più superare una notevole escursione di tensione, cosa che invece accade nel caso delle batterie a basso voltaggio. In questo modo l’inverter con batteria può fare a meno di un componente non secondario come il trasformatore e risultare in questo modo più conveniente.

 

Cosa rende così interessante Tesla Powerwall?

È decisamente un prodotto rivoluzionario: Powerwall è il primo sistema attivamente richiesto dal cliente finale. E volete sapere perché? Perché l’attrattiva dell’auto Tesla si riflette sulla batteria. Il design – dalle straordinarie prestazioni sportive di guida, agli esterni molto ben riusciti – è tuttavia solo uno dei motivi per cui Tesla è uno dei principali produttori di veicoli elettrici. Un’ulteriore ragione è il fatto che grazie al design della sua batteria Tesla consente un’autonomia maggiore rispetto alla concorrenza. Inoltre Tesla ha affrontato anche il problema collegato all’uso delle batterie, e spesso evidenziato, come la mancanza di infrastrutture di ricarica e lo ha risolto creando un’apposita rete di stazioni. In questo modo l’azienda ha eliminato tutti gli svantaggi presenti in questa tecnologia, mettendo ulteriormente in evidenza i suoi vantaggi. Tesla è un brand desiderabile, uno status symbol. Già solo con l’annuncio di Powerwall, l’azienda ha ottenuto per la prima volta, in un segmento industriale, un effetto pari a quello che contraddistingue da anni il successo di Apple nel segmento Consumer: i clienti non vedono l’ora di ottenere il nuovo prodotto e lo richiedono attivamente. Di conseguenza, sul mercato dell’accumulo per il fotovoltaico si prefigura una situazione del tutto nuova: non è l’installatore a vendere Powerwall, ma il cliente ad acquistarla direttamente.

 

Accumulo di elettricità fotovoltaica mediante inverter con batteria Sunny Island (in giallo).

Accumulo di elettricità fotovoltaica mediante inverter con batteria Sunny Island (in giallo).

Quali sono i mercati principali per Sunny Boy Storage?

In Europa centrale i nostri principali mercati sono quei Paesi in cui il fotovoltaico presenta già oggi una significativa diffusione. La Germania ha naturalmente un ruolo importante, soprattutto per le nuove installazioni, mentre in Inghilterra ad esempio ha un peso notevole anche l’integrazione. Altri mercati rilevanti sono l’Italia e i Paesi del Benelux. Per non parlare dell’Australia, dove fra poco finirà la retribuzione dell’energia ceduta alla rete e dall’oggi al domani non si potrà più immettere in rete l’energia non utilizzata.
Per gli Stati Uniti e il Giappone svilupperemo in prospettiva un prodotto appositamente adattato. Per il mercato statunitense è necessario un prodotto dimensionato diversamente sotto il profilo della potenza, poiché qui il consumo di energia è notevolmente maggiore. In Giappone si sta passando proprio ora da una situazione orientata all’immissione a un mercato improntato all’autoconsumo. Anche qui, naturalmente, vogliamo avere un ruolo importante.

 

Con Sunny Island e Sunny Boy Smart Energy, SMA offre anche altre soluzioni di accumulo. In cosa si differenziano da Sunny Boy Storage?

L’inverter con batteria Sunny Island è sviluppato per garantire un approvvigionamento di energia sicuro, pulito e affidabile in qualsiasi luogo nel mondo. Ha un grado di funzionamento molto elevato, specialmente in autonomia rispetto alla rete, e può essere implementato in maniera modulare anche su scala commerciale.
Sunny Boy Smart Energy è un inverter FV in grado di accumulare energia mediante una batteria integrata. È la soluzione per un autoconsumo avanzato e non richiede conoscenze sulla tecnologia di accumulo da parte degli installatori. Non serve cercare un luogo d’installazione per la batteria, per la quale non sono inoltre necessari fusibili e cavi: tutto è già integrato.
Sunny Boy Storage è un inverter con batteria connesso sul lato CA con un dimensionamento coerente orientato all’accumulo domestico. Le principali funzioni di un sistema a batteria sono state integrate e ciò lo rende estremamente conveniente e flessibile. Inoltre, la limitazione dinamica integrata della potenza attiva per inverter FV garantisce al cliente i massimi rendimenti di energia possibili. Grazie alla visualizzazione tramite Sunny Portal è possibile tenere sempre sotto controllo in un colpo d’occhio produzione e consumo. Offriamo tre dispositivi con prestazioni differenti a prezzi differenti e possiamo in questo modo disporre del sistema adatto per ogni possibile applicazione.

 

Volker, grazie per l’intervista.

 

5.00 avg. rating (97% score) - 2 votes

The Author

avatar

My tasks:
Everything about text in the area of Off-Grid plants.
My topics:
Everything in relation to Off-Grid Solutions.
What even my colleagues don’t know about me:
I once interviewed Manowar.

Tags

Related Posts

No comments available

leave comment

 Maximum comment length